Io Vado al Museo | Domeniche gratuite

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Io Vado al Museo | Domeniche gratuite

3 Novembre 2019 ore 10:00 - 18:00

|Evento ricorrente (vedi tutto)

Un evento ogni 1 mese(i) che inizia alle 10:00 il giorno First del mese, che si ripete fino al 2 Febbraio 2020

Io Vado al Museo
Torna il 2 febbraio la #domenicalmuseo, reintrodotta e resa permanente dal Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo Dario Franceschini, con l’ingresso gratuito in tutti i musei e i parchi archeologici statali e in quelli comunali che aderiscono all’iniziativa.
L’elenco completo degli istituti coinvolti è consultabile all’indirizzo www.beniculturali.it/domenicalmuseo

Trieste

Museo Storico e il Parco del Castello di Miramare (MiBACT)
viale Miramare, s.n.c. – Trieste
Orario: Lunedì-Domenica 9.00-19.00 Vedi dettaglio orario in descrizione per orari chiusura del Parco.; Orario biglietteria: 9.00-18.30; Prenotazione: Nessuna

Il Castello di Miramare, circondato da un rigoglioso parco ricco di pregiate specie botaniche, gode di una posizione panoramica incantevole; si trova a picco sul mare, sulla punta del promontorio di Grignano, che si protende nel golfo di Trieste a circa una decina di chilometri dalla città.

Costruita tra il 1856 e il 1860 su commissione dell’arciduca Ferdinando Massimiliano d’Asburgo, nominato nell’aprile del 1864 imperatore del Messico, per abitarvi insieme alla consorte, la principessa Carlotta del Belgio, offre la testimonianza unica di una lussuosa dimora nobiliare conservatasi con i suoi arredi interni originari.

Il Castello, progettato dall’ingegnere austriaco Carl Junker, si presenta in stile eclettico come professato dalla moda architettonica dell’epoca: modelli tratti dai periodi gotico, medievale e rinascimentale si combinano in una sorprendente fusione, in una sintesi perfetta tra arte e natura.

I profumi mediterranei e le austere forme europee ricreano uno scenario assolutamente unico grazie alla presenza del mare, che detta il colore azzurro delle tappezzerie del pianoterra del Castello e ispira nomi e arredi di diversi ambienti.

Aperto tutto l’anno ad esclusione di Natale e Capodanno, il Museo Storico e il Parco del Castello di Miramare è uno dei musei più visitati d’Italia. In particolare il Parco, ad accesso gratuito, con oltre 830mila ingressi nel 2018, si colloca al terzo posto nella classifica dei luoghi della cultura più frequentati in Italia.

Le sale conservano gli arredi originali e la ricca collezione di opere d’arte collezionate da Massimiliano durante la sua vita ed esposte lungo il percorso di visita.

Il Castello e le Ex Scuderie ospitano regolarmente al loro interno mostre e attività culturali.
Dal 12 marzo al 24 maggio 2020 è prevista la mostra, organizzata in collaborazione con il Max Museo di Chiasso “MARCELLO DUDOVICH (1878-1962). Fotografia fra arte e passione”.

Visitabile gratuitamente tutti i giorni dell’anno, ad esclusione di Natale e Capodanno, anche il bellissimo Parco che circonda il Castello.

Grazie alla iniziativa ministeriale #IoVAdoAlMuseo il Castello di Miramare è visitabile gratuitamente nelle seguenti giornate:

· – ogni prima domenica del mese da ottobre a marzo

· – in occasione della Settimana dei Musei, tutti i giorni dal 5 al 10 marzo 2019 compresi;

· – il 2 giugno 2019 (Festa della Repubblica e data di fondazione del Museo);

· – il 22 settembre 2019 (Giornate Europee del Patrimonio);

· – il 13 ottobre 2019 (Barcolana e Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo);

· – il 6 dicembre 2019 (Festa di San Nicolò)

· – tutti i mercoledì dal 7 agosto al 18 dicembre 2019 dalle 16.30 alle 18.30.

ORARI DI APERTURA

Castello. Tutti i giorni dalle 9 alle 19 (chiusura biglietteria ore 18.30)

Chiuso il 25/12 e 1/1

Parco. Aperto gratuitamente tutti i giorni con il seguente orario:

gennaio 8 – 16

febbraio 8 – 17

marzo 8 – 18

aprile – settembre 8 – 19

1 ottobre – 14 ottobre 8 – 18

15 ottobre – 30 ottobre 8 – 17

novembre – dicembre 8 – 16

Chiuso il 25/12 e 1/1


Museo Casa di Osiride Brovedani (Fondazione)
via Alberti, 6 – Trieste
Orario: Martedì: 15.00 – 18.00 Giovedì: 10.00 – 13.00 Domenica: 10.00 – 13.00 ogni 1a e 3a domenica del mese; Prenotazione: Nessuna


Teatro Romano di Trieste (MiBACT)
Via del Teatro Romano – Trieste
Orario: Visibile dall’esterno; ingresso su richiesta (tel. 040 4527511; e-mail: sabap-fvg@beniculturali.it, Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia); Prenotazione: Obbligatoria (Telefono: 040 4527511)


Udine

Museo della Pieve e Tesoro del Duomo – Gemona (Ente ecclesiastico o religioso)
Vicolo delle Mura – Gemona del Friuli
Orario: 10.30 – 12.30 ; 15.00 – 19.00; Prenotazione: Facoltativa (Telefono: +39 0432 980608)


Museo Archeologico Nazionale di Aquileia (MiBACT)
via Roma, 1 – Aquileia
Orario: Martedì-Domenica dalle 10.00 alle 19.00 con chiusura cassa e bookshop alle 18.00 (Le scolaresche possono accedere su prenotazione a partire dalle ore 8.00) Chiusura settimanale: lunedì; Orario biglietteria: 10.00-18.00; Prenotazione: Facoltativa (Telefono: 0431 91035; Email: museoaquileiadidattica@beniculturali.it)

Il Museo Archeologico Nazionale di Aquileia è il complesso museale più antico e visitato del sito archeologico, una delle mete più attrattive per il turismo culturale della regione Friuli Venezia Giulia, dal 1998 dichiarato Patrimonio mondiale dell’Umanità (UNESCO).

Il Museo fu istituito il 3 agosto del 1882 come “Imperial-Regio Museo dello Stato” del governo austro-ungarico, con il patrocinio dell’imperatore Francesco Giuseppe, nella sede della neoclassica Villa Cassis Faraone, per accogliere le collezioni storiche ricevute in dono o acquistate dalle più illustri famiglie aquileiesi, progressivamente integrate dai risultati delle ricerche archeologiche condotte dall’800 sino a oggi.

Il nuovo percorso espositivo, inaugurato il 3 agosto del 2018 a seguito di un ampio intervento di ristrutturazione e riallestimento attuato grazie ad un finanziamento ricevuto dal Mibac nell’ambito del Piano strategico “Grandi Progetti beni culturali”, consente ai visitatori di ripercorrere la storia di una delle più importanti città romane dell’Italia Settentrionale secondo un approccio interdisciplinare e inclusivo, maggiormente rispondente alle richieste di un pubblico sempre più ampio ed esigente.

Il criterio espositivo, prima improntato sulla classificazione tipologica dei reperti, è stato ripensato; i materiali sono stati sottoposti a un’attenta opera di selezione e vengono ora presentati all’interno dei loro ambiti di utilizzo, nell’intento di offrire un più coinvolgente percorso narrativo.

Al centro del racconto è la città romana di Aquileia, grande porto del Mediterraneo nel quale merci, persone, lingue, religioni e culture diverse si incontravano e convivevano, concorrendo a portare nuove idee in un’area che fu da sempre di importanza strategica, quale cerniera e collegamento tra l’Oriente e l’Occidente, tra il Mediterraneo e le regioni settentrionali e orientali d’Europa.

Il corpo principale del Museo ospita su tre piani sette sezioni tematiche, nelle quali sono esposte iscrizioni, sculture, mosaici di rara bellezza e manufatti preziosi, accanto ad oggetti di uso comune pertinenti alla vita quotidiana, organizzati e valorizzati da un percorso museale dalla chiave di lettura coinvolgente. Le gallerie lapidarie esterne, costruite in più fasi nel corso del Novecento, ospitano attualmente la ricca collezione epigrafica aquileiese e preziosi mosaici.

Costo del biglietto: 7,00 euro; Riduzioni: 2,00 euro

Dal 1° aprile 2019 è inoltre disponibile l’abbonamento al Museo Archeologico Nazionale che consente l’accesso libero al museo per la durata di 12 mesi a partire dalla sottoscrizione al costo di 15,00 euro. L’abbonamento garantisce inoltre lo sconto del 10% sugli acquisti effettuati al bookshop del museo e la partecipazione a eventi dedicati nel corso dell’anno.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito web all’indirizzo www.museoarcheologicoaquileia.beniculturali.it o le pagine social (Facebook, Instagram e Twitter) o richiedere l’iscrizione alla Newsletter del Museo Archeologico Nazionale inviando una mail a museoarcheoaquileia@beniculturali.it

Info:

Gestore per la tutela: POLO MUSEALE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA
Proprietà: Ente MiBAC
Direttore: Dott.ssa Marta Novello
Ingresso: 7,00 euro; Riduzione 2,00 euro
Giorni e orario apertura: Martedì-Domenica dalle 10.00 alle 19.00 con chiusura cassa e bookshop alle 18.00 (Le scolaresche possono accedere su prenotazione a partire dalle ore 8.00) Chiusura settimanale: lunedì; Orario biglietteria: 10.00-18.00; Prenotazione: Facoltativa (Telefono: 0431 91035; Email: museoaquileiadidattica@beniculturali.it)
Comune: Aquileia
Indirizzo: via Roma, 1
Provincia: UD
Regione: Friuli-Venezia Giulia
Telefono: +39 0431-91016
Fax: +39 0431-919537
Email: museoarcheoaquileia@beniculturali.it
Sito web: http://www.museoarcheologicoaquileia.beniculturali.it


Museo archeologico nazionale di Cividale del Friuli (MiBACT)
piazza del Duomo, 13 – Cividale del Friuli
Orario: Lunedì 9.00-14.00; Martedì-Domenica 8.30-19.30. Chiusura settimanale: Lunedì pomeriggio; Orario biglietteria: Lunedì 9.00-13.30; Martedì-Domenica 8.30-19.00; Prenotazione: Nessuna

Il Museo fu fondato nel 1817 da Michele della Torre Valsassina, studioso ecclettico e appassionato di archeologia, per accogliere e rendere subito fruibili ai concittadini i reperti portati alla luce nelle campagne di scavo condotte a Cividale e nel territorio, con sovvenzioni dell’Imperatore d’Austria Francesco I.

Nel corso dei suoi due secoli di storia, il Museo si è arricchito anche di importanti opere di oreficeria sacra e profana di epoca medievale e rinascimentale, di una Biblioteca storica che raccoglie circa 8000 volumi a stampa compresi fra il XV ed il XIX secolo, e di un ricco Fondo Codici che raccoglie manoscritti compresi fra il V ed il XVII secolo, tra cui l’antico Evangeliario Foroiuliense, che documenta l’origine del Capitolo, ed esemplari riccamente miniati come i Salteri di Egberto e di Santa Elisabetta.

Oggi il Museo ha sede nel Palazzo dei Provveditori Veneti, costruito nel tardo XVI secolo su progetto di Andrea Palladio: al piano terra è collocata la sezione lapidaria con reperti databili dall’età romana al periodo rinascimentale, che permettono al visitatore di seguire l’evoluzione e la storia della città dal municipium di Forum Iulii, alla Civitas Austriae degli splendori patriarcali fino alla dominazione veneziana.

La visita prosegue al piano nobile dove, dopo una sezione dedicata agli eccezionali complessi decorativi in bronzo provenienti dal foro di Iulium Carnicum (Zuglio), trova spazio ed ampio respiro la civiltà dei Longobardi, con le splendide testimonianze materiali rinvenute nelle ricche necropoli cividalesi ed in altre località del ducato longobardo del Friuli, che fanno del Museo un punto di riferimento tra quelli dedicati all’altomedioevo.

Da segnalare in particolare tra tanti tesori, l’esposizione della necropoli di San Mauro nel salone, dove le dieci sepolture ricostruite sulla base dei dati di scavo consentono ai visitatori di apprezzare direttamente i rituali funerari longobardi; l’eccezionale sepoltura privilegiata di “Gisulfo”, l’unica tra le sepolture “principesche” di epoca longobarda che ci sia pervenuta integra in Italia, e la splendida collezione di aurei longobardi della Fondazione CRUP, seconda solo a quella del British Museum.

Info:

Gestore per la tutela: POLO MUSEALE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA
Proprietà: Ente MiBAC
Direttore: Angela Borzacconi
Ingresso: 4,00 €; Riduzione 2,00 €
Giorni e orario apertura: Lunedì 9.00-14.00; Martedì-Domenica 8.30-19.30. Chiusura settimanale: Lunedì pomeriggio; Orario biglietteria: Lunedì 9.00-13.30; Martedì-Domenica 8.30-19.00; Prenotazione: Nessuna
Comune: Cividale del Friuli
Indirizzo: piazza del Duomo, 13
CAP: 33100
Provincia: UD
Regione: Friuli-Venezia Giulia
Telefono: + 39 0432 700700
Fax: + 39 0432 700751
Email: museoarcheocividale@beniculturali.it
Email certificata: mbac-pm-fvg@mailcert.beniculturali.it
Sito web: http://www.museoarcheologicocividale.beniculturali.it/

 

Pin It on Pinterest